A GAME OF FATE – ADE E PERSEFONE – LA RECENSIONE

“Come poteva, una figlia della primavera, diventare sposa della morte?”

Tempo di lettura: 3 minuti

Scarlett St. Clair torna in libreria con la storia di Ade e Persefone: A game of fate è infatti la versione di A touch of Darkness raccontata dal punto di vista del dio.

In realtà sarebbe il primo volume della seria ma in Italia è stato pubblicato come secondo.

A game of fate Scarlett st claireTitolo: A game of fate
Autore: Scarlett St. Clair
Editore: Queen Edizioni
Serie: Ade Saga #1
Genere: Urban Fantasy
Pagine: 380
Data di pubblicazione: 31 ottobre 2022
Finale: Aperto
Link: Amazon

Trama
Prendetela, e distruggerò questo mondo. Prendetela, e vi distruggerò. Prendetela, e porrò fine a noi tutti.

Ade, dio dell’Oltretomba, è noto per il suo dominio inflessibile, i night club lussuosi e i contratti impossibili. Abituato a esercitare il controllo, quando scopre che le Moire hanno scelto Persefone, dea della primavera, come sua futura moglie e regina, rimane basito.

Nonostante subisca il fascino del dio dei morti, Persefone, un’ambiziosa studentessa di giornalismo, è determinata a mettere Ade alla gogna per i suoi comportamenti crudeli e spietati. La dea lo sfida a ogni passo, sebbene l’attrazione tra i due sia esplosiva.

Ade si confronta con l’impossibile: dimostrare che la sua futura sposa ha torto. Nonostante si impegni al massimo, esistono forze che mirano a dividerli, e si rende conto che, per conquistare il suo amore proibito, farà qualsiasi cosa: sfiderà anche il Destino.

readinglove blog bannerAspettavo questa uscita con impazienza perchè A touch of darkness mi era piaciuto tantissimo ed ero molto curiosa di leggere la versione di Ade.

Ora posso affermare con certezza che “A game of fate” è anche più bello del precedente.

Ade è un personaggio è strepitoso. È un dio potente, pericoloso e spietato ma allo stesso tempo è generoso e altruista. Leggere la storia dal suo punto di vista e vivere nella sua mente ha reso il romanzo ancora più avvincente.

«Cosa le chiederai?» chiese lei. «Quello che chiedo a tutti», rispose Ade. Avrebbe sfidato le insicurezze della sua anima. Alla fine di tutto, avrebbe creato una regina, oppure un mostro. Non sapeva quale dei due.

La presenza di Persefone nella sua vita cambia completamente le carte in tavola e tocca delle corde nel suo cuore che non sapeva neanche di avere. Mi è piaciuto moltissimo approfondire il carattere di Ade, vedere le sue zone d’ombra e di malvagità lottare contro la luce e la bontà che voleva uscire fuori.

“Qualcosa, dentro di lui, voleva ignorare ogni senso di civiltà e possederla. C’era qualcosa in lei che lo richiamava: un filo che attraeva il suo cuore.”

Ancora una volta ho apprezzato tantissimo la commistione di antico e moderno e la rivisitazione dei miti ai giorni nostri.

Vivere la storia dal punto di vista di Ade ci porta più nel mondo mitologico rispetto alla versione di Persefone e ci fa conoscere meglio Efesto, Ecate, Ermes e anche i fratelli di Ade, Zeus e Poseidone.

Adoro tutti loro, l’autrice è stata davvero brava e originale nel tracciare il carattere di ciascuna divinità. 

Io non amo particolarmente la terza persona ma con un romanzo così si può tranquillamente soprassedere. Il finale è aperto ma non lascia in sospeso, ciò non toglie che non vedo l’ora di leggere il prossimo volume della serie!

A game of fate Scarlett st claire

(Copia ebook omaggio della casa editrice)