Home Novità KISS ME HERE – RECENSIONE LIBRO

KISS ME HERE – RECENSIONE LIBRO

Per la prima volta leggo da vicino il minuscolo tatuaggio alla base dell’attaccatura dei capelli. Mi sono sempre chiesto cosa ci fosse scritto, ma ora che lo so avrei preferito rimanere ignorante. Kiss me here. Baciami qui. E, porca puttana, un bacio lì glielo stamperei volentieri.

Tempo di lettura: 4 minuti

Valentina Ferraro torna a far sognare le sue lettrici con “Kiss me Here”, un nuovo emozionante new adult che terrà incollati fino all’ultima pagina.

Kiss me hereTitolo: Kiss me here
Autore: Valentina Ferraro
Casa Editrice: Self Publishing
Genere: New Adult FM
Serie: Stand Alone
Pagine: 370
Data pubblicazione: 20 luglio 2020

Trama
Non sono andata a quella festa per incontrare lui. Lui, è capitato.
Uno sguardo di troppo, un mezzo sorriso da canaglia, un rum e cola al quale dare la colpa dopo e, come per incanto, mi sono ritrovata in uno sgabuzzino delle scope, avvinghiata al corpo nudo e bellissimo di questo sconosciuto.
E Sconosciuto ci sa fare.
Sconosciuto mette in discussione la mia indole diffidente, mi fa provare emozioni contrastanti, mina le mie certezze.
Ma per fortuna non lo rivedrò mai più… o almeno era quello che pensavo.
Lui è il diavolo in persona.
Quando mi guarda, mi spoglia.
Quando mi parla, mi ferisce.
E io devo mettere una distanza infinita fra di noi, prima di lasciarci il cuore.
Non pensavo mi avrebbe assecondato. Nemmeno per un attimo ho creduto che sarebbe bastato un cenno del mento per convincerla a seguirmi.
Dieci secondi ed è riuscita a mettermi K.O.
C’è solo un problema: adesso che ho scoperto chi è, capisco che non la posso avere. Tutte, ma non lei.

Cybil MacBride è pericolosa, imprevedibile, intoccabile.
Eppure, ogni volta che chiudo gli occhi, le uniche cose che vedo davanti a me sono una cascata di capelli biondi e un tattoo minuscolo all’altezza dell’inguine, che rimane, ad oggi, la cosa più eccitante sulla quale abbia mai messo le mani.
Peccato che quei capelli e quel tatuaggio appartengano entrambi a una grandissima manipolatrice.
E si sbaglia: il diavolo in persona non sono io. È lei!

Grazie alle canzoni che Valentina Ferraro inserisce nel testo, sempre perfettamente adeguate alle scene, rivivi la storia anche dopo averla finita.

Per questo vi ho riportato la playlist che ha accompagnato la storia di Lucas e Cybil, così anche voi potete gustarla mentre leggete la recensione.

readinglove blog

Kiss me here è un libro che dovete assolutamente leggere. A mio avviso, Valentina Ferraro ha un talento unico per i new adult. Per me merita di essere incoronata regina italiana di questo genere.
Ogni sua storia è incredibile e super coinvolgente, vorresti divorare il libro ma allo stesso rallentare il tempo per poterlo gustare più a lungo.

Una volta arrivato alla fine provi invidia verso chi non l’ha ancora letto per poter rivivere di nuovo, come se fosse la prima volta, tutte le emozioni che hai sentito sulla pelle. Le sue storie creano dipendenza.

I suoi personaggi sono magnetici, ti catturano e ti imprigionano nelle loro vite. Ogni volta che finisco un suo libro ho fatica a lasciare andare tutti loro, il tempo trascorso in loro compagnia non mi basta mai.

Costruisce dialoghi accattivanti e realistici, il suo stile non è mai pesante o monotono, ogni parola è al posto giusto. Sono già in trepidante attesa del suo prossimo libro.

Le sue protagoniste sono coraggiose, forti e tirano sempre fuori le unghie, ma allo stesso tempo sono vere perché non hanno paura di mostrare le proprie insicurezze o debolezze. La loro bellezza consiste nel potere che Valentina attribuisce loro perché non hanno paura di chiedere aiuto e di affrontare i loro pensieri negativi.

Con Cybil è sempre una fottuta guerra. Mi gratta sottopelle, così in profondità da lasciare il segno ogni volta. Tocca dei nervi che non pensavo nemmeno di avere. Lei mi provoca, io rispondo a tono. Lei alza gli occhi al cielo, io rincaro la dose. Lei mi viene sotto e io le vado incontro.

E i protagonisti maschili ti hanno innamorare del loro essere bad boy dal cuore d’oro, perché anche quando vorresti appiccicarli al muro (lasciatemi correre il gergo) sai che nel momento del bisogno ci saranno, e che quando amano lo fanno incondizionatamente.

Cybil si volta, fa due passi verso il portone, poi torna indietro. E sapevo che l’avrebbe fatto, perché quando siamo vicini ci facciamo male. Ma quando ci allontaniamo troppo, l’assenza diventa ingestibile. E odio i nostri silenzi, odio quando prende le distanze, odio doverlo ammettere a me stesso che, nemmeno troppo in fondo, sono pazzo di lei.

È un susseguirsi di emozioni, di alti e bassi, di odio e amore che ti coinvolge talmente tanto da farti perdere il senso della realtà. Alla fine del libro arrivi a dubitare di ciò che è reale e ciò che non lo è perché i suoi personaggi sembrano veri, desideri che lo siano.

È incredibile come lo spazio fra di noi diventi infinito a ogni parola che ci rivolgiamo. Ogni volta che discutiamo ci feriamo e, anche se il taglio si rimargina, anche se lo squarcio smette di sanguinare, rimane la cicatrice a deturpare la pelle. Le potrei contare le nostre cicatrici, le ricordo tutte.

Insomma, un’autrice che non potete assolutamente non leggere.

Prima di salutarvi volevo ringraziare di cuore Valentina Ferraro per la copia ARC ma soprattutto per queste bellissime emozioni che riesce a farmi provare.

Buona lettura!