LA LIBRERIA DEI SOGNI

“Se avessi saputo che questo Natale, come regalo, avrei ricevuto l’amore, beh… forse mi sarei tenuta a debita distanza.”

Tempo di lettura: 4 minuti

la-libreria-dei-sogni-elisa-crescenzi“La libreria dei sogni”, in uscita oggi (20 Novembre), è un romanzo natalizio di Elisa Crescenzi. Camilla Musetti è una ragazza forte e determinata, a vent’anni sa già prendersi le sue responsabilità e non ha paura di nuove sfide. Quando scopre che la ditta Morris Industrie sta per mettere le mani sulla libreria dei suoi nonni non ha dubbi: lascia la sua vita a Firenze per correre in soccorso della nonna.

Per fortuna le idee non le mancano, così come le persone disposte ad aiutarla. A cominciare da Edoardo, un ragazzo che lavora al bar davanti la libreria, da subito felice di collaborare.

Come se la questione vendita forzata non fosse sufficiente, a sconvolgere ulteriormente i cuore e la mente di Camilla ci pensa Cristian.

Ovviamente super affascinante, con occhi grigi magnetici e un sorriso da far invidia allo splendore delle stelle.

“I capelli chiari ricadono disordinati sulla fronte, gli occhi grigi sono davvero intensi, ma il sorriso… avere un sorriso così dovrebbe essere un reato”

Per quanto possa essere determinata ed abbia un solo obiettivo in mente, quando Camilla si trova davanti questo ragazzo bellissimo che le fa una corte, come può non deviare dal suo cammino per andargli incontro?  E infatti, non ci riesce. Dopo aver rifiutato i suoi inviti alla fine cede ad un appuntamento.

E basta poco per innescare la magia.

“Un ultimo sguardo, prima che le nostre labbra si sfiorino. Un bacio che sa di tutto, un bacio che sa di nuovo, di qualcosa che potrebbe essere, ma che forse mai sarà. Un bacio che sa di noi, che profuma di incertezza ma che sa terribilmente di amore.”

Ma se pensate che tutto fili liscio con tanta facilità evidentemente non siete ancora esperte di romanzi rosa. Infatti, indovinate un po’ come fa di cognome il bel giovane? Esatto, proprio Morris. Vi ricorda qualcosa? Non credo serva specificare che i guai stanno per iniziare.

Per quanto il cuore possa volere diversamente, non può ignorare che il cognome del suo spasimante sia lo stesso di colui che vuole ridurre in miseria l’eredità dei suoi nonni. Camilla non ha scelta, deve chiudere prima che le sia impossibile farlo. Oltretutto, la sua vita non è il quel paese tra i monti ma a Firenze, a ben tre ore di macchina da lì. Se anche riuscisse a passare sopra al suo cognome, come potrebbero fare una volta che la sua avventura lì finirà e lei tornerà a casa?

“Sento ancora il suo sguardo su di me, ma cerco di non pensarci. Ad ogni passo è più lontano, ad ogni passo gli sono più vicina”

Nonostante il dolore per la fine di quel qualcosa di meraviglioso che stava per nascere, riesce a riversare tutte le sue attenzioni ed energie nel progetto per salvare la libreria.

Sfruttando ogni iniziativa possibile e il suo innato talento organizzativo, riesce miracolosamente ad aumentare la clientela della libreria.

Purtroppo, alcune volte, per quanto ci si sforzi non è detto che si riesca ad ottenere quello che si vuole.

Una piccola libreria, per quanto frequentata, non può competere con una grande industria, specie se il figlio del “nemico” conosce in anticipo le carte che verranno giocate.

Insomma, se ne vedranno delle belle, per ora non vi dirò altro.

readinglove

Se state cercando un romanzo che vi accompagni delicatamente verso le feste natalizie, potete smettere la ricerca. La libreria dei sogni è il libro che fa per voi.

Ho già letto alcuni suoi romanzi (la trilogia della felicità) e sono sempre rimasta soddisfatta. Si vede che c’è una grande passione dietro la penna di Elisa Crescenzi.

Mi è piaciuta molto l’idea di scadenzare la narrazione stile diario, a partire dal 1 dicembre, come se fosse una sorta di calendario dell’avvento. Lo stile narrativo è fluente e scorrevole, la storia è raccontata dalla voce di Camilla, in prima persona. Chissà se l’autrice ha pensato ad un sequel dove la stessa storia è raccontata dalla voce di Cristian. Vista la trama, sarebbe molto interessante vivere la parte di Cristian,  io comprerei senza dubbio anche quel romanzo!

Ho solo un piccolissimo appunto da fare. L’epilogo, elemento che adoro in un romanzo e trovo assolutamente essenziale, questa volta non mi ha sorpreso. Mi aspettavo che andasse proprio così, e se da una parte sono felice della conclusione che Elisa Crescenzi ha dato al libro, dall’altra speravo di sbagliarmi.

Comunque alla fine quello che conta è ho letto questa storia in pochissime ore e ho già in mente un paio di persone a cui regalarla per Natale!

Sono molto felice che l’autrice mi abbia dato la possibilità di partecipare al blog tour per l’uscita di “la libreria dei sogni”, è stata una bellissima esperienza che spero di ripetere in futuro!

Per chi si fosse perso le varie tappe, potete ritrovarle nel blog nella sezione “articoli”. Intanto, se volete, potete dare una sbirciatina a come l’autrice ha immaginato i suoi personaggi leggendo l’articolo sulle foto prestavolto.

Se tutto quello che vi ho detto non è bastato, vi lascio il book trailer così avrete un ulteriore assaggio di ciò che vi aspetta.

Allora, vi ho convinto? Cliccando sulla copertina all’inizio della recensione potete procedere direttamente all’acquisto.

Sarei felice di sapere la vostra opinione. Lasciatemi un commento qui sotto, su Instagram o su Facebook. Insomma, scegliete il canale che più vi piace!

Alla prossima recensione!