Home Recensioni Romance contemporaneo LE STRANE LOGICHE DELL’AMORE

LE STRANE LOGICHE DELL’AMORE

"Una volta una persona mi ha detto che è colpa delle strane logiche dell’amore, perché è un sentimento che ti sorprende, anche nel momento meno opportuno o quando ormai pensi di non avere più possibilità di incontrare la persona giusta."

Tempo di lettura: 4 minuti

le-strane-logiche-dellamoreCiao Readers, voglio parlarvi del primo romanzo rosa di Tania Paxia: “Le strane logiche dell’amore”.

La protagonista è Cameo Pink MacKenzie. Blogger di libri, vive in un piccolo monolocale di Londra il cui spazio è quasi interamente occupato dai libri che riceve dalle varie case editrici. Lavora nella sala da tè a Notthing Hill della madre per potersi permettere qualche libertà.

Il suo unico amore è Flash, il suo adorato cane. Dopo una delusione d’amore terribile decide di vivere le vite dei protagonisti dei suoi libri piuttosto che la sua.

Un giorno, riceve dalla casa editrice Wanderlust una copia da recensire in anteprima assoluta su “Another book in the wall” di un autore emergente: “Sweet Olivia” – un libro che adora dalla prima pagina.

Questo libro sarà la sua rovina.

Nella copia inviatale dalla casa editrice, infatti, il nome dell’autore è Tristan Mosely (con tanto di foto sul retro) ma al momento della pubblicazione viene attributo a Selma McGuire, scrittrice di successo con notevoli libri all’attivo.

Com’è possibile? Sembra che il fato sia dalla sua parte per aiutarla a risolvere il mistero perché una sera, in un pub, si imbatte anzi Sbatte addosso ad un ragazzo dal viso familiare… Tristan Moseley!

Constatare che dal vivo è ancora più bello che nella foto manda il cuore di Cameo in tilt. È amore a prima vista. E questo non fa che aumentare la sua curiosità. In un momento di follia decide di contattarlo su facebook per provare ad avere qualche informazione sul romanzo ma da parte di Tristan c’è una totale chiusura e un invito a lasciar perdere.

Ma la curiosità della giovane blogger non è facile da mettere a tacere. Se la verità non può arrivare alle orecchie di Cameo Pink – la blogger- magari può arrivare a quelle di Cameo Pink (o meglio Olly Mitchell) – la ragazza che ti ha rovesciato addosso la birra nel pub.

“Mi sto comportando come una sedicenne fuori di testa che va alle feste per incontrare il ragazzo che le piace ma che non la considera neanche”.

Considerando che il profilo facebook di Tristan indica la sua professione come organizzatore di eventi –tra le altre cose – perché non sfruttare proprio l’imminente matrimonio della cugina che le è stato chiesto di organizzare per avvicinarsi a lui in modo discreto?

Da questo momento in poi Cameo inizia a sfruttare le sue infiniti doti di investigatrice/stalker per imbattersi “casualmente” in Tristan ogni volta possibile.

A quanto pare i suoi metodi sembrano funzionare perché anche il cuore di Tristan sembra iniziare a non essere più indiffirente alla dolce OLLY. Già, Olly, perché ormai si è presentata con quel nome e le cose stanno andando troppo avanti per tirarsi indietro.

“Lo avevo incontrato solo poche volte, e mi era già entrato nel cuore con un’irruenza pari a quella di un uragano, ma con una dolcezza che solo una carezza poteva trasmettere”

Più il tempo passa e più Cameo si innamora di Tristan e la loro storia diventa sempre più seria. Una bugia tira l’altra e più ti avvicini ad una persona più è difficile svelare le tue carte e dire la verità. La situazione diventa ingestibile quando sia Cameo Pink che Olly Mitchell sono invitate a prendere parte allo stesso: la presentazione del fantomatico libro causa di ogni male. Cameo in veste di blogger per intervistare l’autrice, Olly in veste di fidanzata di Tristan – organizzatore dell’evento.

“Rimasi a fissare la porta ormai chiusa per un tempo indefinibile, con tanta confusione in testa, perché una parte di me non poteva essere più felice, mentre l’altra era attanagliata dai sensi di colpa dal momento che non ero stata del tutto sincera con Tristan. Più saremmo andati avanti, e più sarebbe stato difficile dirgli che Cameo, non Olly, ero io. Bel casino. Proprio un bel casino.”

Vi avviso, siamo arrivati al momento in cui si crea il caos. Preparatevi ad avere forti crampi allo stomaco e a mangiarvi le unghie delle mani perché credo proprio che la piega che prende ora la storia non vi piacerà.

Provare per credere 🙂

le strane logiche dell'amore recensione

Come vi dicevo prima, nei ringraziamenti del libro si legge che “Le strane logiche dell’amore” è il primo libro rosa di Tania Paxia. C’è solo una cosa da dire: COMPLIMENTI!! Ho trovato la storia davvero simpatica e originale ed è scritta benissimo!

Mi piace molto lo stile, in prima persona e molto scorrevole. Si percepisce una forte vena di ironia in tutti i personaggi (il padre di Cameo e le sue battute informatiche sono da veri nerd!)

Cameo Pink è al tempo stesso goffa e speciale, mente acuta e spiritosa, uno spasso!

Tristan è un sogno. Ogni volta che compare sulla scena ho sentito le farfalle nello stomaco e la stessa attrazione che provava Cameo. Complimenti a Tania Paxia per l’ottima descrizione, spero che esista un Tristan come lui nella sua vita!

Mi è piaciuto molto leggere il blog di Cameo, ha aggiunto un tocco speciale alla storia già molto originale, ancor più considerando che Tania Paxia ha un suo blog personale (di successo, aggiungerei) e ho voluto credere che in quella parte ci avesse messo un pizzico della sua vita. Se volete saperne di più potete leggere la sua biografia, lì troverete anche i link per seguirla sui social e per visitare il suo blog.

Essendo un’inguaribile romantica avida di informazioni, avrei voluto un epilogo per non lasciare andare subito i personaggi della storia. Ovviamente questo aspetto è puramente soggettivo e la sua assenza non leva nulla al romanzo che vi consiglio caldamente di leggere. Magari un sequel però…

Se volete acquistare “Le strane logiche dell’amore” vi basta cliccare sulla copertina all’inizio dell’articolo.