PER SFIORARE LE NUVOLE – LA RECENSIONE

Tempo di lettura: 3 minuti

Con Per sfiorare le nuvole, Chiara Parenti ci riporta in compagnia della dolce e amata Sole, anche questa volta alle prese con una lista di cose da fare, o meno da non fare più.

Titolo: Per sfiorare le nuvole
Autore: Chiara Parenti
Editore: Garzanti
Genere: Narrativa
Finale: Conclusivo
Libro precedente: Per lanciarsi dalle stelle
Data di uscita: 18 ottobre 2022
Pagine: 320
Link: Amazon

Trama
Quando hai paura alza gli occhi.
C’è un cielo pieno di luce ad attenderti.

Ci sono giorni in cui non si ha tempo nemmeno per notare le nuvole in cielo. E quando giorni come questi diventano la normalità, ci si dimentica persino dei sogni.

È quello che sta succedendo a Sole che, da quando si è trasferita a Roma, stila una lista infinita di cose da fare: aiutare il fidanzato Samuele con la galleria d’arte; scarrozzare ovunque l’amica Samanta; rispondere alle richieste assurde del suo caporedattore.

E il desiderio di diventare un’insegnante sembra tornato nel cassetto. Sole non riesce a imporsi nemmeno quando un’eccentrica e affermata scultrice, Gertrude, la obbliga a diventare sua assistente.

Costretta a seguire le assurde regole dell’artista, si sente ancor più alla deriva. Come se non bastasse, Massimo – il ragazzo di cui era innamorata da ragazzina – inizia a lavorare con lei.

Eppure quest’esperienza che sta testando i suoi limiti è proprio quello che le serve per cominciare a dire «no». Forse è arrivato il momento di compilare un nuovo tipo di lista, un elenco di cose da non fare.

Perché a volte è necessario concentrarsi su di sé, anche se si ha paura di deludere le persone che ci sono vicine.

Solo così possiamo trovare il tempo per respirare a fondo, ascoltare la nostra voce interiore e alzare gli occhi al cielo per sfiorare le nuvole.

readinglove blog banner

Chiara Parenti mi ha conquistata ancora una volta. Il suo stile è chiaro e senza fronzoli, eppure lo trovo profondamente poetico. La sua penna ti incanta e arriva dritta al cuore senza che possa fare niente per impedirlo.

Questa storia continua dove finisce Per lanciarsi dalle stelle. Vediamo Sole alle prese con la sua vita romana, con il suo Samuele che vive nel mondo dell’arte. E facciamo la conoscenza di altri personaggi, come il dolce Paul e l’eccentrica Gertrude.

In Per sfiorare le nuvole la nostra Sole ha perso se stessa, il suo centro, il suo coraggio. Sembra aver dimenticato quella magica estate in compagnia di Massimo e Samanta dove una alla volta è riuscita a spuntare tutte le sue paure. 

“Ero così coraggiosa, così felice. E poi? Cos’è successo dopo? Come ho fatto a ridurmi in questo stato larvale di stanchezza cronica? Mi raggomitolo sotto il piumone, pensando a come le cose, la mia vita, sono potute cambiare in questo modo, senza che nemmeno me ne accorgessi.”

Ora le sue giornate sono una lotta contro il tempo, piene di impegni non suoi, di favori continui da fare. I motivi che l’avevano spinta a Roma sono lontani anni luce dal vedersi realizzati e i suoi sogni hanno perso consistenza.

È sopraffatta dalla sua incapacità di dire no, si sente persa e smarrita. Ma a volte, è iniziando a dire di no agli altri che si impara a dire sì a se stessi e alla propria felicità.

La storia di Sole potrebbe essere la storia di ognuno di noi, è facile rispecchiarsi in questo personaggio perché penso che ciascuno di noi abbia provato almeno una volta nella vita la sensazione di essere sopraffatto dagli eventi, dal bisogno di essere sempre perfetti, di non essere giudicati male, di rispettare le aspettative degli altri.

“Per quanto ci provi, per quanto mi sforzi, l’emozione che mi accompagna da sempre è lei, la paura: della solitudine, del giudizio, di non riuscire ad affrontare le conseguenze. Un’emozione antica che scatta ogni volta per un automatismo semplice: se dico no, poi l’altro non mi vuole. E se l’altro non mi vuole, sono da sola.”

Chiara parenti con la sua solita delicatezza è riuscita di nuovo a farmi riflettere attraverso la vita e le scelte di Sole.

I libri come i suoi sono dei piccoli doni, ti regalano molto di più di qualche ora di piacevole lettura. Ti aprono la mente, ti migliorano come persona e ti riempiono il cuore.

(Copia omaggio della casa editrice)