Home Recensioni Commedia Romantica SCAPPACUORE – LA RECENSIONE

SCAPPACUORE – LA RECENSIONE

“Confesso che questa camicia bianca sui jeans gli sta proprio bene. I bottoni più alti sono sganciati e si intravede la parola che ha tatuata sul petto: scappacuore, mi sembra, ma non si legge bene.” 

Tempo di lettura: 3 minuti

Poco prima di San Valentino è uscito “Scappacuore”, un romanzo breve scritto da Lea Landucci scorrevole e romantico, perfetto per la Festa degli Innamorati, ma anche nel resto dell’anno.

Scappacuore Lea landucciTitolo: Scappacuore
Autore: Lea Landucci
Editore: Sperling & Kupfer
Genere: Romanzo breve / sit-rom-com
Finale: Autoconclusivo
Data di uscita: 11 febbraio 2022
Pagine: 146
Formato: Ebook
Link: Amazon

 

Trama
Lei ha deciso di cambiare vita.
Lui non ha proprio in programma di innamorarsi.

Una commedia romantica e divertente, un romanzo breve che fa sorridere e riflettere.

Anno nuovo, vita nuova, si dice. E Valentina ha preso il proverbio alla lettera: si è licenziata, si è data al decluttering selvaggio del suo appartamento, ha deciso di diventare vegana e soprattutto si è liberata di un fidanzato tossico. Nella frenesia di un’esistenza più ecosostenibile, ha anche affittato su Airbnb la stanza degli ospiti ed è così che in casa sua piomba Riccardo, un musicista tatuato con insospettabili capacità culinarie e un talento originale: scappare dall’amore. Profondamente diversi l’una dall’altro, Valentina e Riccardo si imbarcano in una convivenza forzata che li trasforma da estranei incompatibili a complici affiatati finché il passato e i segreti di entrambi arrivano a rompere l’idillio. A quel punto, il loro cuore cercherà la fuga o alla fine si renderà conto che vale la pena restare?

readinglove blog

Lea Landucci torna in libreria con un’altra storia divertente e ben scritta: “Scappacuore” ti attrae già dalla copertina, a mio avviso bella ed accattivante.

I protagonisti sono Valentina e Riccardo, due persone all’apparenza diverse che invece si incastrano alla perfezione come due pezzi un puzzle.

Lei è una ragazza un po’ spigolosa, che ha avuto una relazione tossica che l’ha spenta a poco a poco. Decide di rivoluzionare la sua vita passando ad uno stile minimalista e ad un regime alimentare vegano che viene disprezzato anche dal suo amatissimo gatto killer Tyler.

«Forse mi è andato in corto circuito il cervello e sono in preda alle allucinazioni uditive. Perché ho appena sentito la mia migliore amica, l’essere umano più ostile e paranoico che conosca, la regina indiscussa della sociopatia patologica, dire che ha accolto in casa un estraneo. Dandogli un letto e magari – mi sento male al solo pensiero – anche un po’ di spazio nel suo santuario: il mobiletto del bagno.»

Lui è musicista in cerca di un alloggio temporaneo, e sembra fatto apposta per smussare i suoi spigoli. Dolce, premuroso e dalla cotta facile, Riccardo sembra essere la tentazione perfetta per rompere i rigidi schemi che Vale si è imposta.

“Quanto odio questo mio lato femminile da mammoletta ammaestrata, quando esce fuori mi sento come se volessi scappare da questa pelle e spostarmi altrove. In un mondo dove un uomo possa sospirare d’amore senza sentirsi dare del debole, del fallito. Lo so che non esiste, infatti resto qui e soffro in silenzio.“

La storia scorre spedita e si legge con interesse perché i personaggi sono simpatici e interessanti.

Ovviamente il ritmo della narrazione è più veloce perché la vicenda si consuma in meno pagine ma questo non toglie il gusto alla storia.

Non nascondo che mi sarebbe piaciuto leggere un centinaio di pagine in più perché Vale e Riccardo hanno diversi assi nella manica a loro disposizione e ce ne avrebbero fatte vedere delle belle!

Se cercate una lettura spensierata, scorrevole e romantica al punto giusto “Scappacuore” fa decisamente al caso vostro!

(Copia ebook omaggio della casa editrice)