SEMPRE LEI: REVIEW PARTY

"Qualunque cosa mi abbia fatto, profuma di buono e sa di per sempre. "

Tempo di lettura: 4 minuti

sempre-lei-recensioneCiao Readers! Oggi partecipo al review party di “Sempre lei”, il nuovo romanzo di Valentina Ferraro uscito il 20 Settembre.

E’ molto difficile per me essere imparziale quando un libro mi coinvolge particolarmente, quindi vi confesso già da subito che provo un amore profondo per Valentina Ferraro e i suoi personaggi, ma avremo modo di approfondire l’argomento più avanti.

La storia di Eva Carter, protagonista di questo young adult, inizia a New York, alla Columbia.

Eva è la figlia di Ben e Cat (protagonisti della serie Matching Scars che vi invito caldamente a leggere) e da loro ha preso il carattere. Testarda come la madre, orgogliosa come il padre e incredibilmente affascinante come entrambi.

Appena arriva alla Columbia rimane affascinata dal suo vicino di stanza, Theodor. Dall’aspetto sembra il classico bad boy: tatuaggi in bella vista, sguardo ammaliante e atteggiamento sexy e spavaldo. Gestisce all’università bische clandestine e festini ed ha una stola di donne pronte a tuffarsi nel suo letto. 

Nonostante le palpitazioni che le vengono ogni volta che lo vede, Eva sa che non deve cedere alla tentazione. Theo, dal canto suo, capisce subito che Eva è off limits. Lei è diversa. Non è una ragazza da una notte di follie e basta e lui non può permettersi legami visto che alla fine dell’anno andrà a vivere a migliaia di chilometri da New York.

“Non le piacciono le feste. Non le piace ballare. Non è venuta per bere. Lei è l’eccezione alla mia stramaledetta regola.”

Nonostante la forte attrazione decidono di rimanere solo amici, ma a quanto pare è più facile a dirsi che a farsi. Ogni loro incontro diventa una lotta alla resistenza. Più tempo trascorrono insieme più diventano inconsapevolmente dipendenti l’uno dall’altro.

«Mi fai provare cose che non voglio. Sei una maledetta calamita: più cerco di starti alla larga, più mi ritrovo a gravitare nella tua orbita. È una maledizione». Mi siedo accanto a lui e sospiro. «Cosa vuoi che faccia?». Scuote di nuovo la testa. «Non lo so». «Sono pronta a farmi trasferire in un altro dormitorio pur di non vedere più quell’espressione sconvolta che hai adesso. Perché io non voglio essere un peso per te. E se non posso essere qualcosa di bello, allora non voglio essere niente».

Theo cerca di negare a se stesso i sentimenti che iniziano a nascere nel suo cuore per la dolce e bellissima Eva, ma lei non gli rende la vita facile. Lei vuole lui. Lo vuole anche se è più grande, anche se andrà via, anche se è incredibilmente sbagliato, perché sarebbe semplicemente perfetto. Lei lo sa, ed è pronta ad affrontarne le conseguenze. Ma Theo cerca di resisterle in tutti i modi, molti dei quali ampiamente discutibili (a mio modesto parere).

“Con le mani ancora in tasca e gli occhi che fissano la moquette scura mi domando per la millesima volta cosa mi stia succedendo. Ogni discorso sembra sempre riportarmi a lei, ogni pensiero ricade su lei. Sempre lei, Cristo, sempre lei.”

A ribaltare completamente la situazione è l’arrivo dell’ex ragazzo di Eva, il suo primo e unico grande amore. Come scegliere tra il ritorno del tuo ex che desidera un futuro con te ed un ragazzo che invece cerca di allontanarti in tutti i modi ma che ti fa battere forte il cuore?

“È come un temporale estivo dopo una giornata afosa di luglio inoltrato, quando l’aria diventa di nuovo respirabile e tu vorresti solo spogliarti e ballare nudo sotto la pioggia. È questo l’effetto che mi fa questa ragazza: mi fa tornare a respirare.”

 

readinglove blog

“Sempre Lei” crea dipendenza. Appena finito vorresti ricominciarlo da capo. Anzi, vorresti
ripartire proprio da “Scegli Me”, il primo romanzo della serie Matching Scars e andare avanti all’infinito.

Sempre-lei
Clicca per acquistare

Valentina Ferraro ha una penna che conquista. I suoi personaggi sono semplicemente favolosi e le sue storie creano dipendenza. Ho apprezzato molto che la storia di “Sempre Lei” sia auto conclusiva ma che, allo stesso tempo, sia fortemente coerente con i romanzi della serie Matching Scars da cui, come vi dicevo, trae le origini Eva.

Per coloro che hanno letto la serie, come me, sarà stato un vero piacere ritrovare collegamenti ad episodi precedenti e vedere l’evoluzione di Ben e Cat in veste adulta da genitore. Ma la bravura di Valentina emerge soprattutto perchè, coloro che non hanno ancora avuto modo di leggere gli alti libri, non hanno perso nessun collegamento o dettaglio. Riesci ad apprezzare pienamente la storia di Eva e Theo in entrambi i casi.

Theo è sexy e intrigante, ma ormai sappiamo bene che da Valentina non possiamo aspettarci niente di meno che personaggi che ti fanno sciogliere e innamorare dal primo momento.

Eva è divertente, imbranata, orgogliosa, buffa e affascinante, un concentrato di energia e bellezza.

La narrazione è dal punto di vista di entrambi i protagonisti con qualche punto di vista a sorpresa qua e là che aggiunge il giusto pepe alla storia.

Insomma, credo si sia capito che adoro profondamente l’intera seria di Matching Scars, Valentina Ferraro e Sempre Lei, l’ultimo diamante da aggiungere alla preziosa collezione.

Prima di salutarvi vi invito ad ascoltare la playlist che ha fatto da colonna sonora alla storia di Eva e Theo. Potete seguirla su Spotify o ascoltarla direttamente da questa pagina.

Vi ricordo, come sempre, che cliccando sulla copertina di “Sempre Lei” all’interno della recensione potete procedere direttamente all’acquisto del libro.

Buona lettura e buon ascolto!