TUTTA LA LUCE CHE ABBIAMO

Le cose belle accadono e basta. Non devi temerle.

Tempo di lettura: 4 minuti

tutta la luce che abbiamo recensioneCiao Readers! Oggi voglio parlarvi di “Tutta la Luce che abbiamo” di Judith Sparkle, un romanzo appartenente al genere romantic suspense.

Prima di raccontarvi la storia vorrei ringraziarla per avermi inviato una copia del suo romanzo, grazie davvero sono stata contentissima!

La protagonista è Rachel. Una ragazza appena maggiorenne che ha dovuto imparare ad affrontare il buio troppo presto.

A seguito della morte del padre, venuto a mancare quando lei era molto piccola, ha dovuto prendersi cura della madre caduta in depressione e della sorella più piccola e mettere da parte i suoi sogni e la sua vita.

Emarginata dal resto del paese (Secrets), e soprattutto dai suoi coetanei perché non cura il suo aspetto fisico e trascorre le sue giornate tra la casa e la tavola calda dove lavora.

Trascorre quasi tutto il suo tempo libero a lavoro e si sente praticamente meglio lì che a casa sua.

I proprietari del locale, Francisco e Juana ormai la considerano come una figlia.

Viene presa di mira dal ragazzo più popolare del paese, Adam Sutter, figlio di un giudice, ricco e attraente, che non perde occasione per ricordarle quanto sia insignificante e racchia.

Ma lei ha conosciuto la parte peggiore della vita ed ha imparato a guardare con occhi attenti alle cose che la circondano e alle persone che ha intorno.

Lei sa vedere oltre le apparenze e riesce a vedere il buono che c’è in Adam.

La tenerezza è non smettere di stupirsi di avere accanto la persona giusta, quella che amiamo, perché ci troviamo sempre qualcosa di nuovo. Ci vuole coraggio per scorgere sempre il lato belle delle persone.

Non può dire lo stesso di Nick, compagno d’avventure del giovane, con un passato criminale alle spalle che a quanto pare non è poi così passato.

A seguito dell’ennesimo reato commesso dai due ragazzi lo sceriffo decide di costringerli ai “lavori forzati” nel locale di Francisco e Juana, lo stesso dove lavora Rachel.

Inspiegabilmente, lavorare gomito a gomito porta Adam ad avvicinarsi a Rachel, pian piano i suoi occhi iniziano a vederla sotto una luce diversa e il suo cuore inizia a battere più in sintonia con quello di lei.

I sogni di Rachel diventano i desideri di Adam, i mezzi di lui il modo per farglieli realizzare.

Cerca quella bambina in fondo al cuore e tirala fuori. So che puoi riuscirci. Fallo pensando a chi vuoi bene. Solo così saprai realizzare il tuo sogno.

Purtroppo per Adam avere i mezzi non significa necessariamente essere felice. La sua famiglia infatti ha già scritto per lui il suo futuro da avvocato benché questo non fosse il suo sogno.

I due ragazzi diventano una fonte di ispirazione l’uno per l’altro: lei così coraggiosa pur non avendo niente, lui ha tutto ma non la forza di dire di no.

Inevitabilmente, per quanto il mondo esterno sia contrario alla loro unione, si innamorano l’uno dell’altro.

Quello che ancora non sanno è che dovranno superare ostacoli oscuri per riuscire a stare insieme ed essere davvero felici.

Il primo tra tutti è Nick. Continua a mettersi nei guai, ogni volta la situazione è sempre più grave e ogni volta sembra che la sua unica via di uscita sia Adam.

Ma ora che Rachel è nella sua vita non può più correre in suo soccorso come prima perchè la vicinanza con Nick comporta anche un pericolo per la vita di Rachel.

Se c’era una lezione che avevo appreso nella vita, infatti, è che si lotta solo per qualcosa che ne valga la pena. E che più forte è il motivo, più sicura è la vittoria. E Rachel era il mio scopo, il mio obiettivo, il mio tutto. Combattevo per Rachel perché lei valeva molto più di me.

Senza rendersene conto Adam e Rachel finiscono per trovarsi immischiati in guai molto seri: la polizia sta indagando su un violento crimine e ogni indizio sembra condurre ai due giovani innamorati.

Più tentano di scagionarsi dalle accuse più escono fuori nuovi prove che peggiorano la loro situazione.

Cosa c’entra i due ragazzi con questi crimini? Come mai la famiglia di Adam non riesce a risolvere la situazione? Perchè proprio loro? Riusciranno ad uscire da questo buio incubo e a tirar fuori “tutta la luce che hanno”?

divisore-reading-love-rosso

“Tutta la luce che abbiamo” è il mio primo libro appartenente al genere “romantic suspense”. Non mi era mai capitato di leggere romanzi di questa categoria e aver iniziato con Judith Sparkle è stata una fortuna perchè se il primo impatto è positivo (e lo è stato!) ne seguiranno sicuramente altri.

Non sapevo bene cosa aspettarmi da un genere che mescola il rosa e il giallo ma sono rimasta piacevolmente sorpresa del risultato.

La storia d’amore tra i due ragazzi è sempre in primo piano, anzi oserei dire che è il cuore del romanzo. Tuttavia, ogni volta che il rosa tende a prevalere il giallo torna alla carica con ritmi incalzanti e colpi di scena.

Lo stile narrativo non rientra nel mio standard prediletto perché be la storia è raccontata al passato mentre io sono una patita delle storie scritte al presente. La narrazione è in prima persona – dettaglio che adoro – ed è molto scorrevole.

Tuttavia questo piccolissimo appunto personale non deve farvi desistere dal leggere il romanzo perché vi assicuro che la bravura di Judith Sparkle è indiscutibile!

Alcuni passaggi sono davvero poetici, io ne ho appuntati diversi e riportarne qui solo tre è stato un vero peccato.

La storia è dal punto di vista di Adam e di Rachel. Come ormai dovreste aver capito, apprezzo sempre molto leggere i pensieri di entrambi i protagonisti!

Come vi dicevo, la narrazione è molto scorrevole e la storia intrigante, ho finito il libro in pochissimo tempo.

Questo è stato il primo romanzo che ho letto di questa autrice ma non mi farò di certo mancare gli altri!

Ho avuto la fortuna di poter porre qualche domanda a Judith Sparkle, che ringrazio nuovamente, su come è nato “Tutta la luce che abbiamo”. Mi raccomando, non perdetevi l’intervista per saperne di più su Adam e Rachel!

Se volete acquistare il romanzo vi basta cliccare sulla copertina all’inizio della recensione!